LA “STRINA”

 

 

testo

E nue de ‘cca volimu

volimu cuminciare

ca chista è ‘na partita

chi nun ne po’ mancare

Noi di qua vogliamo

incominciare,

perchè questo è un amico

che non può venir meno

 

 

Palazzu torniatu

torniatu de bicchiari

dintra ‘cce sta ‘nu no…

ma dicu nobile cavaliari

Palazzo circondato

da bicchieri

al suo interno abita

un nobile cavaliere

 

 

 

Palazzu torniatu

torniatu de diamanti

dintra ‘cce sta ‘nu no…

ma dicu nobile galante

 

Palazzo circondato

da diamanti

al suo interno abita

un nobile galante

 

 

*Palazzu torniatu

torniatu de barcuni

d’intra ‘cce sta ‘nu no…

ma dicu nobile baruni

*Palazzo circondato

da balconi

al suo interno abita

un nobile barone

 

 

 

Cà nue de ……….

ninn’erami riscordati

patrune chi lu via

de la Basilicata

 

E noi di (nome del padrone di casa)

c’eravamo dimenticati

possa diventare padrone

della Basilicata

 

 

 

E ppure c’è ……

ch’è ‘na fimmina d’unure

a ‘na manu la strina

ed a n’atra lu buttigliune

 

E poi c’è (nome della moglie)

che e una donna onorata

porta in una mano la strenna

e nell’altra il bottiglione (di vino!)

 

 

 

*E pue c’è ……

ch’è ‘na fimmina abbazata

a ‘na manu la strina

ed a n’atra la supressata

 

* E poi c’è (nome della figlia maggiore)

che è una donna generosa

porta in una mano la strenna

e nall’altra la soppressata (salame)

 

 

E pue c’è ……

chi è ‘na nuce de cuaddhu

a na manu la strina

ed a n’atra lu capeccuaddhu

 

E poi c’è (nome del figlio maggiore)

che è un ragazzo scaltro

porta in una mano la strenna

e nell’altra il salame

 

 

 

E nue d’i minuti

ninn’eramu riscordati

patruni chi li via

de setteciantu Stati

 

E noi dei piccoli (i figli minori)

c’aravamo dimenticati

possano diventare padroni

di settecento Stati

 

 

 

Cà io ‘cce vinni annu

e l’uattu de Natale

mi ‘cce manciai ‘na capu

‘na capu de maiale

 

Io qui son venuto l’anno scorso

l’ottava di Natale

e qui ho mangiato

una testa di maiale (a sazietà

 

 

Ed io ‘cce vinni annu

ed annu de ‘sti tiampi

mi ‘cce manciai ‘na capu

‘na capu de ‘nu jancu

 

Io qui sono venuto l’anno scorso

in questo stesso periodo

e qui ho mangiato

una testa di vitello (a sazietà)

 

 

 

Pozzavu fare ta…

ma dicu tante belle feste

quantu a Paliermu c’ià

ma dicu c’ià porte e finestre

 

Possiate fare tante

e tante belle feste

quanto numerose sono a Palermo

le porte e le finestre

 

 

 

E tanti e chiddi belle

ohi dicu chiddi belli jiuarni

quantu a Paliermu c’ià

ma dicu c’ià porte e cuntuarni

 

E tanti di quei magnifici

e bei giorni

quanto numerose a Palermo

e nei dintorni sono le porte

 

 

 

*Pozzavu fare ta…

ma dicu tanti belli anni

quantu a ‘ru munnu se…

ma dicu se spannanu i panni

 

*Possiate fare tanti

e tanti di quei belli anni

quanto nel mondo, ogni giorno,

si stendono i panni

 

 

 

Chi pozza fare ta….

ma dicu tantu bellu granu

quantu ne ficia Cu…

ma dicu Cutru ‘ccu Ruglianu

 

Possa tu fare tanto

e tanto bel grano

quanto né produce Cutro

insieme con Rogliano

 

 

 

E tantu e chiddu bellu

ohi dicu tantu bellu vinu

quant’acqua va de Sa….

ma dicu Savutu e ‘penninu

 

E tanto di quell’ottimo

e bel vino

quanta è l’acqua che scorre

dal Savuto fino al mare

 

 

 

Chi pozza fare ta….

ma dicu tanta bona sita

quantu ne ficia a Na…

ma dicu a Napuli e Gaita

 

Possa tu fare tanta

e tanta ottima seta

quanto né Napoli

insieme con Gaeta

 

 

 

Ajosa, ajosa e vida

e vida ‘cca de fare

‘ca parasaccu si…

ma dicu si ‘ne vodi annà

 

Sbrigati, e vedi

cosa devi fare

perché parasacco

vuole andare via

 

 

 

Ajosa, ajosa e vida

e vida cchi me dici

‘ca mina ‘ru Levante

‘u Ponente e ‘ru Libice

 

Sbrigati e vedi

cosa mi vuoi dire

perché spira il vento di Levante

di Ponente e il Libeccio

 

 

 

Famme la strina e fa…

ma dicu fammile de mele

mu te sta bona ‘ssa…

ma dicu ‘ssa bella mugliere

 

Fammi la ‘strina’

fammela dandomi miele

perché goda ottima salute

questa tua bella moglie

 

 

 

Famme la strina e fa…

ma dicu fammila de fhicu

mu te sta buanu ‘ssu…

ma dicu ‚ssu bellu maritu

 

Fammi la ‘strina’

fammela dandomi dei fichi

perché goda ottima salute

questo tuo bel marito

 

 

*Famme la strina chi…

ma dicu chi me suali fare

pozzavu fare ‘na…

ma ‘na figlia cardinale

 

Fammi la ‘strina’

quella che mi fate di solito

possiate fare una figlia

che diventerà Cardinale

 

 

 

*Famme la strina e fa…

ma dicu fammila de prisuttu

s’’u d’ha curtiaddu du,,,

ma dicu dunammilu tuttu

 

Fammi la ‘strina’

fammela dandomi prosciutto

se non hai il coltello

dammelo pure tutto!!!

 

 

 

Sientu lu strusciu de…

ma dicu de lu tavulatu

me cridu ‘ca me cala

‘ca me cala la supressata

 

Sento un rumore

provenire dalla soffitta

e penso che

scenda una soppressata (salame)

 

 

 

Siantu lu strusciu de…

ma dicu de lu tirriualu

ma cridu ‘ca me cala

‘ca me cala lu mustazzualu

 

Sento un rumore

provenire dal lucernaio

e credo che scenda

un “mostacciuolo” (dolce caratteristico)

 

 

 

Intra ‘ssa casa ‘cce…

ma dicu ‘cce penna ‘na nzita

prima de l’annu ‘cce

ma dicu ‘cce trasa ‘na zita

 

In questa casa è appesa

penzoloni una criniera

prima di un anno

vi entrerà una sposa

 

 

 

*A strina nun è dannu

chi nue iamu cantannu

pozzavu fare mille

notte de Capudannu

 

La ‘strina’ non e danno

che noi andiamo a cantare

possiate fare mille

notti di Capodanno

 

 

 

*E nue simu i strinari

strinari de Santu Mangu

ca nue la strina l’a….

ma dicu l’amu intra lu sangu

 

Noi siamo gli ‘strinari’

di San Mango

e noi la ‘strina

l’abbiamo nel sangue

 

 

 

‘A vurpa curtu e luangu

curtu e luangu avia ‘ru pilu

cantare cchjiù nun puazzu

nun puazzu si nun vivu (2 volte)

 

La volpe aveva il pelo

corto e lungo

io non posso più cantare

se non bevo qualcosa

 

 

strofe di saluto alla fine della nottata

 

E nue ninne jiamu

e nne mintimu ‘n via

restati ‘ccu ‘ra pace

‘a pace de Maria

 

Noi ce ne andiamo

e riprendiamo il cammino

voi restate con la pace

la pace della Madonna

 

 

 

E nue ninne jiamu

e nne mintimu avanti

restati ‘ccu ‘ra pace

‘a pace de li Santi

 

Noi ce ne andiamo

e ci mettiamo in fila

voi restate con la pace

la pace di tutti i Santi

 

 

 

D’intra ‘nu grubu nne…

ma dicu nne fujiu ‘nu gattu

e jiamuninne ‘ca…

ma dicu ‘ca la ‘strina’ è fatta

 

Da un buco ci

scappò un gatto

noi ce ne andiamo perché

la ‘strina’ è stata fatta

 

 

 

Cantau ‘ru gaddu e scu…

ma dicu scuotulau ‘re pinne

santa notta ve lassu

ve lassu e jiamuninne.

 

Cantò un gallo

e scrollò le sue piume

vi auguriamo buonanotte

e andiamo via.

 

 

 

 

 

 

* Con il passare degli anni i molti gruppi di suonatori di ‘strina’ anno aggiunto varie e nuove strofe!!